Boris Mikhailov

Temptation of Death

View more

Arnold Odermatt

The Biennial Selection. 32 Photographs for Venice 2001

View more

ECAL

Guardare l'utopia

View more

novembre

16nov15:3023:50L'arte come riflesso della società

16nov17:3023:50Dal reportage alla photographic novel

30nov20:3023:50Umarete wa mita keredoSono nato, ma

Scarica il calendario

Calendario 2019

Miky Maoys 1

Fotografie di Esther Kempf, Laurent Kropf, Alfio Mazzei, Valentina Pini

View more

We are all going home

Fotografie di Aline D’Auria

View more

The House

Fotografie di Karin Borghouts

View more

Marcello Dudovich (1878-1962) Fotografia fra arte e passione

Fotografie di Marcello Dudovich

View more
Scopri di più

DO NOT DROP

Fotografie di Willi Moegle

View more

Guarda che ti riguarda. Room portraits

Fotografie di Menno Aden

View more

Natura sospesa

Fotografie di Santiago Carrera

View more

Border soundscapes

Fotografie di Pino Musi

View more
Scopri di più

Ex Barrio 26

Fotografie di Gian Paolo Minelli

View more

Je t’appelais Seppi. Ich nannte dich Seppi. Ti chiamavo Seppi

Fotografie di Jean-Claude Fontana

View more

South of no North

Fotografie di Igor Ponti

View more

Radicalia

Fotografie di Piero Martinello

View more
Scopri di più

Dal reportage alla photographic novel

Workshop con Carlos Spottorno

View more

La figura femminile nella grafica di Dudovich

Incontro con Giovanna Mori

View more

We are all going home

L’arte come riflesso della società

View more

History After the End of History

Sessione di ascolto

View more
Scopri di più

11a Biennale dell'Immagine
Chiasso
5.10 - 8.12.2019

CRASH è scontro, incidente, caduta, collisione, frattura senza ritorno. CRASH è brivido, emozione, paura, dolore, morte, panico. È dover ricominciare tutto da capo. CRASH è rinascita, speranza, liberazione, rivoluzione, desiderio, stimolo per proseguire la crescita. CRASH è trauma, depressione, sconfitta, buco nero, scivolamento verso il basso, verso il buio. CRASH è distruzione e costruzione, stasi e dinamica, contrasto, frizione, tra passato e presente, tra concretezza ed astrazione, tra spirito e materia.

CRASH è Arnold Odermatt, impeccabile nella sua divisa da poliziotto. CRASH è Boris Mikhailov che scavalca i cancelli del grande crematorio abbandonato di Kiev. CRASH sono i giovani utopisti dell’ECAL che scoprono la verità dell’utopia sul Monte Verità. CRASH sono tutti gli altri, con le loro immagini, fisse o in movimento, singole o multiple, in bianco e nero o a colori. Con i loro progetti azzeccati, i loro ragionamenti forse ancora un po’ confusi ma che si chiariranno. CRASH è un flusso di idee che non teme la siccità, che sbanda, frena e riparte più veloce di prima. È una costruzione fragile ma flessibile, all’interno della quale ciascuno può trovare il proprio posto e il proprio punto di vista. CRASH sono fotografie, film, parole, polaroid e photographic novel. Tempo, luoghi, appuntamenti, orari, programmi. Sono due mesi che valgono per due anni. CRASH sono soprattutto persone che vogliono esprimersi, comunicare, parlare, gridare, incazzarsi. Perché con CRASH può accadere di tutto, anche se tutti continuano a chiedersi come sarebbe il mondo senza CRASH.

Per informazioni: info@biennaleimmagine.ch

Contatto stampa: press-bi@biennaleimmagine.ch

X